Scano di Montiferro - Iscanu - su situ de Iscanu
Avviso sui Cookie - Questo sito non svolge alcuna attività di profilazione. Tuttavia, per rendere disponibili alcune funzionalità ed assicurare ai visitatori una esperienza di navigazione ottimale, questo sito fa uso di cookie. Leggi la nostra informativa sui Cookie prima di proseguire la navigazione. Proseguendo la navigazione su questo sito gli utenti acconsentono al ricorso di cookie e tecnologie simili online da parte nostra.
MENU
Home Notizie Articoli Download Links Contattami

Le chiese

Le chiese urbane

La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Pietro Apostolo , sorge sulle rovine di una necropoli punica e sulle fondamenta di un monastero camaldolese. Fu ricostruita alla fine del 1700, quasi completamente, in seguito ad un incendio. Custodisce interessanti opere d’arte fra le quali la statua lignea e dorata di San Pietro in cattedra (XVII sec.) forse di scuola stampacina, e due statue di bottega iberico-napoletana (XVIII sec.) dedicate alla Vergine di tutti i Santi. Importante è l’archivio con documenti risalenti al XVI secolo.

S. Nicolò , con facciata in stile neoclassico, ospita dal 1600 l’Arciconfraternita di S. Croce, che presiede tutti gli anni le tradizionali cerimonie della Settimana Santa. Vi sono conservate una grande tela raffigurante il sepolcro del Cristo, con scene della passione e una tela bifrontale di Emilio Scherer (fine IX sec.). L’altare è decorato da Isidoro Delogu (primi XX sec).

S. Rosario , sede dell’omonima Confraternita, custodisce le statue di S. Sabina (XV sec.), della Madonna del Rosario, presumibile opera del maestro Lonis (XVIII sec.), e della Madonna de s’Incontru dell’artista Isidoro Delogu (primi XX sec.).

La Confraternita delle Anime ha sede in due chiese, una adiacente la parrocchia e un’altra più grande, nella parte alta del paese. Al loro interno si trovano tre antiche pale d’altare raffiguranti il Purgatorio.



Le chiese campestri

S. Antioco (XVII sec.), nell'omonima zona turistica, dove si festeggia il Martire sulcitano tre volte l’anno.

Santa Barbara , incastonata tra le rocce in una zona ricca di nuraghi e domus de Janas, nei pressi del villaggio punico-romano di Su Lù.

Santa Croce e San Giorgio , poste a guardia del paese sulle due colline che delimitano l’abitato.

Santa Vittoria , a valle del paese, tra le rovine del monastero bizantino di turre ’e manigas.

Infine, una cappella, in prossimità della Tomba di Gigante di Pedras Doladas , a ricordo dell’istituzione del culto alla SS. Vergine di tutti i Santi, patrona del paese.


New-CMS 2.9.7 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.0595 seconds
Contenuto del div.