Scano di Montiferro - Iscanu - su situ de Iscanu
Avviso sui Cookie - Questo sito non svolge alcuna attività di profilazione. Tuttavia, per rendere disponibili alcune funzionalità ed assicurare ai visitatori una esperienza di navigazione ottimale, questo sito fa uso di cookie. Leggi la nostra informativa sui Cookie prima di proseguire la navigazione. Proseguendo la navigazione su questo sito gli utenti acconsentono al ricorso di cookie e tecnologie simili online da parte nostra.
MENU
Home Notizie Articoli Download Links Contattami

Info varie

Informazioni varie su Scano di Montiferro (Liberamente tratte da Wikipedia).


Scano di Montiferro

Scheda tecnica

Regione:Sardegna
Provincia:Oristano
Latitudine: 40░ 13' 0'' N
Longitudine: 8░ 35' 0'' E
Altitudine:380 m s.l.m.
Superficie:60,48 km▓
Abitanti:1.725
DensitÓ:28,52 ab./km▓
Comuni contigui: Borore (NU), Cuglieri, Flussio (OR), Macomer (NU), Sagama, Santu Lussurgiu, Sennariolo(OR), Sindia (NU)
CAP:09078 - Pref. tel:0785
Codice ISTAT:095051 - Codice catasto:I503
Nome abitanti:Scanesi
Santo patrono:San Pietro Apostolo

Scano di Montiferro (in sardo Iscanu, in spagnolo Escano) Ŕ un comune di 1.725 abitanti della provincia di Oristano, localizzato in Sardegna nella regione centro-occidentale del Montiferru.

Geografia
Il paese Ŕ situato in prossimitÓ della costa centro-occidentale della Sardegna (Italia), a circa 380 metri sul livello del mare. Dista 50 Km da Oristano, 18 km da Macomer e 18 km da Bosa. Il clima Ŕ umido temperato. L'abitato Ŕ situato a ridosso dei colli di San Giorgio, di Santa Croce e del promontorio di Iscrivu.

--------------------------------------------------- -----------------------------

Corsi d'acqua
All'interno dell'abitato sono presenti numerose fontane e sorgenti nonchÚ corsi d'acqua quali:
Riu Mannu
Su canale 'e Panne Manca
Riu 'e Salighes
Riu 'e Tuvu
Riu 'e Tusio
Rioro
Fissula
Maramadau
Nel territorio comunale sono da ricordare le Sorgenti di Sant'Antioco che forniscono l'acqua potabile a numerosi paesi del circondario.

--------------------------------------------------- -----------------------------

Rioni del paese
Carrel'e cresia
Carrel'e funtana
Carrel'e iscola
Carrel'e mesu
Carrel'e puttu
Frida
Funtana 'ezza
Iscala ruggia
Ladaralzos
Maramadau
Montrigu 'e Reos
Puba
Puttu 'e cannas
Rioro
Sa serra
Saggioro
Salighes
Sant'Anna
Santu Giolzi
Santu Nigola
S'iscal'e sa corte
Su furraghe
Su samunadolzu
Turre
Tusio

Chiese urbane
Chiesa parrocchiale di San Pietro apostolo
Chiesa del Rosario
Chiesa delle Anime purganti
Chiesa di San Nicol˛


Chiese campestri
Chiesa di San Giorgio
Chiesa di Sant'Antioco
Chiesa di Santa Barbara
Chiesa di Santa Croce
Chiesa di Santa Vittoria
Chiesa di Pedras doladas


Maggiori informazioni sulle chiese

Nuraghi
Abbauddi
Alt˛rio
Arbucchi
Baddeona
Barisone
Beranula
Bolaola
Columbalzos
Cuncula
Cuncula B
Curadores
Donnigheddu
Funtana 'e Corbos
Leari
Lobos
Lobos B
Mazzala
Mazzaledda
Mesuerios
Muraduarca
Nari
Sito archeologico Nuraghe Nuracale
Nurtaddu
Orosu
Padra
Patt˛la
Pischinales
Porcos
Primidiu
Ritus
Sa Chessa
Sa Cobelcada
Sa figu ranchida
Sag˛la
SalÓggioro
SalamÓttile
Sant'Albara
S'adu 'e Santa Silbana
S'Arca
S'Arca B
S'Ena
S'ozzu 'e su lavru
Su Cadalanu
Sul¨
Tibuddari
Tripichi
UrÓssala
Villaggio nuragico di Luzzanas


--------------------------------------------------- -----------------------------

Storia
Il comune di Scano fu popolato fin da epoca preistorica come dimostrano i ritrovamenti nel suo territorio di Domus de Janas e Tombe dei giganti oltre alla presenza di numerosi insediamenti nuragici. In etÓ medioevale la villa di Scano fece parte della curatoria del Montiferru, nel Giudicato di Torres e successivamente, nel 1259, con la morte della giudicessa Adelasia, la curatoria fu annessa al Giudicato di Arborea. Nel 1410 la villa pass˛ agli aragonesi e nel 1421 fu inglobata nei territori infeudati ai nobili catalani Zatrillas, signori del Montiferru. Il feudo, accresciutosi in maniera consistente, assunse prima il titolo di Contea di Cuglieri e poi quello di Marchesato di Sietefuentes e quindi diviso fra Marchesia e Francesca Zatrillas che mantenne il titolo marchionale. Intorno alla metÓ del XVII secolo troviamo ancora la villa di Scano compresa nei territori del Marchesato. In seguito alle vicende relative all'assassinio del vicerŔ Camarassa che videro coinvolta la Marchesa nell'omicidio del marito, Agostino di Castelvý, il feudo fu confiscato dalla Corona nel 1669. Negli anni che seguirono la villa di Scano fu oggetto di scambio nelle molteplici divisioni e assegnazioni di territori tra famiglie di nobili feudatari. Nel 1834 venne assegnata ai Quesada ai quali venne definitivamente riscattata nel 1838. Nel 1821 fu inclusa nella Provincia di Cuglieri; nel 1848, abolite le Province e istituiti i Comuni, Scano fu compreso nella divisione amministrativa di Nuoro e, in seguito, con R.D. 3702/1859, nella Provincia di Cagliari, Circondario di Oristano e Mandamento di Cuglieri. Con l'istituzione della Provincia di Oristano, decretata con Legge n. 306 del 16 luglio 1974, Scano Montiferro entr˛ a far parte di tale Provincia. Sotto il profilo istituzionale il comune di Scano di Montiferro, cosý come tutti i comuni rurali della Sardegna, trae origine dalle primitive forme di autogoverno comunitario evolutesi nella forma della villa e successivamente regolamentata con R.E. 25 settembre 1771 con il quale fu istituito il Consiglio comunitativo. Nel 1848, in seguito alla fusione del Regno di Sardegna con gli Stati di terraferma, il soggetto rappresentativo delle comunitÓ fu inquadrato nell'ordinamento delle istituzioni locali come Comune, ente morale con amministrazione autonoma stabilita per legge.


--------------------------------------------------- -----------------------------

Le origini del nome
Secondo lo studioso Giovanni Spano, il nome della localitÓ deriverebbe dal fenicio scan (luogo abitato). In base alle ricerche di Pietro Lutzu (San Vero Milis 1859 - Scano Montiferro 1935), altri collegherebbero le sue origini al latino scamnum (scanno, sgabello), con rimando alla tradizione secondo la quale, nel territorio del paese, i cristiani venivano uccisi legandoli con una corda al collo, poggiati su una panca che veniva poi tolta nel momento dell'esecuzione. Il linguista Massimo Pittau lega le origini del nome a terrinu escanu: un territorio ricco di esca (il fungo arboreo Polyporus fomentarius) per accendere il fuoco. Altre interpretazioni, meno note e meno accreditate rispetto a quella dello Spano, fanno riferimento al latino scamna (unitÓ agrimensoria romana di forma rettangolare). La denominazione di Montiferro, in riferimento al massiccio vulcanico che domina il territorio, venne applicata al nome originario con Regio Decreto n. 825 del 14 settembre 1862. Con la formazione del Regno d'Italia infatti, si volle distinguere Scano dall'omonimo comune lombardo, a sua volta denominato Scano al Brembo che ora si trova inglobato nel comune di Valbrembo.

--------------------------------------------------- -----------------------------

FestivitÓ
San Pietro apostolo (patrono): 29 giugno
Beata Vergine Regina di Tutti i Santi: 11 settembre
Sant'Antioco dottore, martire sulcitano: secondo lunedý dopo Pasqua, secondo lunedý dopo Ferragosto
Sa festa 'e totta 'idda: ogni 4 anni in Agosto. La prossima sarÓ nel 2008


--------------------------------------------------- -----------------------------

Tradizioni
Le tradizioni di Scano sono mantenute vive dalla storia del paese, dalla sua collocazione geografica e dall'onore dei suoi abitanti. Scano presenta il tipo di canto "a cuncordu", tipico dell'area Montiferru-Planargia. Su cuncordu accompagna i riti della Settimana Santa con i canti del Miserere e dello Stabat mater. Inoltre possiede nel suo repertorio su traju, sos muttos, sa 'oghe rea, su ballu tundu e su ballu cantigu. ╚ ancora molto viva la tradizione del ballo. I balli di Scano sono: su ballu tundu, sa dansa, su ballu cantigu, su ballittu e su dillaru. Fra i suonatori di organetto di Scano ricordiamo Salbadore Rosa (Ti' Mericanu), che succedendo al padre in questo ruolo ha caratterizzato singolarmente il ballo di Scano.


New-CMS 2.9.7 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.1005 seconds
Contenuto del div.