Scano di Montiferro - Iscanu - su situ de Iscanu
Avviso sui Cookie - Questo sito non svolge alcuna attività di profilazione. Tuttavia, per rendere disponibili alcune funzionalità ed assicurare ai visitatori una esperienza di navigazione ottimale, questo sito fa uso di cookie. Leggi la nostra informativa sui Cookie prima di proseguire la navigazione. Proseguendo la navigazione su questo sito gli utenti acconsentono al ricorso di cookie e tecnologie simili online da parte nostra.
MENU
Home Notizie Articoli Download Links Contattami

Su tusorzu (La tosatura)

Su tusorzu (la tosatura delle pecore)

Galleria fotografica



L'economia scanese, in larga parte, ancora fondata sulla pastorizia: le pecore scanesi grazie ai pascoli di alta qualit delle sue campagne, producono un latte di alto livello che, successivamente, viene lavorato e dai pastori e, in gran parte, dalle industrie casearie. Tutto ci che ruota attorno alla pecora ricco di valenze e significati culturali, tipici della tradizione pastorale sarda.
In primavera “beranu”, quando i primi caldi iniziano ad opprimere le pecore tempo di alleggerirle dell'oramai ingombrante manto lanoso: il momento della tosatura, “su tusorzu”.
E' un vero e proprio rito che ha i suoi luoghi (sos tundidorzos) e i suoi cerimoniali.

I preparativi
La famiglia del pastore si prepara all'evento: Gli uomini preparano i sacchi di orbace (oggi si usano soprattutto quelli in canapa e plastica) per riporci la lana, oliano le forbici sos ferros de tundere (oggi sostituite dalle tosatici elettriche) e preparano il vino mentre le donne cominciano a preparare i succulenti cibi per il banchetto (gli arrosti, i bolliti, le verdure, le panadas, gli gnocchetti da cuocere nel brodo di pecora ecc.).
Inizia la tosatura
Si inizia con l'adunata delle pecore all'interno di una “mandra” (un recinto chiuso in pietra o frasche). Ad una ad una le pecore vengono catturate, sdraiate sul dorso e, legate insieme le 4 zampe con una “corria” o “cordiolu” (cordicella), la pecora immobilizzata e pronta ad essere tosata.

Sos ferros de tundere (le forbici per tosare)
sono forbici di ferro brunito, appuntite, grandi, lunghe circa 35 cm, con lame triangolari affilatissime forgiate in unico pezzo di ferro. Hanno un'aspetto arcaico, ricordano le armi nuragiche e micenee, le armi delle millenarie culture pastorali del Mediterraneo. Nel corso della tosatura le forbici vengono bagnate e affilate di continuo: diventano veri e propri rasoi che, insieme all'abilit del pastore, permettono un tosatura perfetta.
Con l’avvento della tecnologia, oggi si usano per tosare “sas macchinettas” ovvero tosatrici elettriche simili a quelle del barbiere ma pi grandi in dimensioni e con denti pi lunghi

Il taglio
Durante le operazioni di taglio le forbici o le tosatrici elettriche vengono maneggiate con destrezza ma anche con accortezza per non ferire la pecora. Il pastore sta chino sull'animale legato che talvolta tenta comunque di divincolarsi.
Bisogna tosare la pecora in tutte le parti del corpo, dalla testa fino alla coda e bisogna tosare in modo tale che il vello venga via come una pelliccia, composto e uniforme. Finite le operazioni di taglio, la pecora libera e ritorna in sa mandra.
Le pecore vengono tosate non solo perch la lana utile, ma anche perch la lunghezza del vello pu essere un impedimento per l'animale, sopratutto nella stagione estiva: l'animale, infatti, impigliandosi nei cespugli, potrebbe riempirsi di spine, ferendosi.

Il banchetto
Il banchetto, immancabile, rappresenta una vera e propria consumazione cerimoniale.
Si comincia a tosare a mezza mattinata quando i pastori che partecipano rientrano dall’aver sbrigato le proprie faccende nei campi. Intorno alle 10 si fa “s’irmurzu”: una robusta colazione a base di salumi, formaggi, coratelle fritte e vino ovviamente.
La base del pasto sono la pecora e il formaggio.
I cibi tradizionali della tosatura sono: il brodo di pecora, le carni lesse, “su sambene” (il sanguinaccio), su tratalu o corda( arrosto di frattaglie allo spiedo), su casu giampagadu: (formaggio con i vermi), dolci vari, vino bianco e vino rosso e mirto, liquore di acquavite e bacche di mirto)

LA TOSATURA

TOSATURA TRADIZIONALE



TOSATURA ELETTRICA



LA CATTURA




Stampa
Share
 Autore : MicroPiras
 Pubblicato : Venerdì, 18 Marzo 2011 - 11:23
 Ultima modifica : Mercoledì, 4 Febbraio 2015 - 18:10
 Pagina letta 6939 volte

New-CMS 2.9.7 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.1574 seconds
Contenuto del div.