Scano di Montiferro - Iscanu - su situ de Iscanu
Avviso sui Cookie - Questo sito non svolge alcuna attività di profilazione. Tuttavia, per rendere disponibili alcune funzionalità ed assicurare ai visitatori una esperienza di navigazione ottimale, questo sito fa uso di cookie. Leggi la nostra informativa sui Cookie prima di proseguire la navigazione. Proseguendo la navigazione su questo sito gli utenti acconsentono al ricorso di cookie e tecnologie simili online da parte nostra.
MENU
Home Notizie Articoli Download Links Contattami

Sa turre de re Domine


SA TURRE DE RE DOMINE

Racconta la leggenda che sul colle di Turre vi fosse un castello romano, abitato da un signore violento e sanguinario, Re D˛mine.

Questi amministrava Scano con pugno di ferro, arrestando e massacrando chiunque si opponesse al suo volere, rubando e saccheggiando. Era molto odiato dagli scanesi e per questo usciva sempre dal castro scortato dal fido Dugone e dai suoi militi.

Le segrete della sua torre pullulavano di prigionieri e, quando qualche ribelle veniva condannato alla pena capitale sulla collina di Montrigu de Reos, Re Domine si godeva lo spettacolo ridendo di gusto, dall'alto della sua fortezza.

Si racconta che Re Domine avesse fatto un patto con LulbÚ (il diavolo) e che questi, con la sua masnada infernale, venisse ogni notte al suo castello a trovarlo, per banchettare assieme, maltrattando poi i detenuti ivi reclusi ed il borgo intero.

In uno di questi festini il nobilotto commisse un'imprudenza. Ubriaco, uscý dalla roccaforte da solo, cantando a squarciagola, verso la strada di Salighes, per orinare.

Qui stavano tre fratelli caprari, Il˛, IlÓi, IlŔ, intenti alla cura del bestiame. Il˛, il maggiore, quando vide Re Domine da solo, scuritasi rapidamente la faccia col sughero, gli and˛ incontro, avvolto nel nero del gabbano.

Come gli fu vicino, il pastore, presentatosi come diavolo, chiese al signore dove si tenesse il diabolico convitto.

Mentre Re Domine, avvinazzato, gli indicava la strada, il capraro gli assest˛ una terribile coltellata al cuore, uccidendolo e mentre lo decapitava prese a cantare questi versi:

"Folentia, folentia!
lepa acuta in man'a omýne
istestadu est Re Domýne
sensada est sa paurýa"

A queste magiche parole la torre discese negli abissi ma l'anima di Re Domine aleggia sempre nei freddi vicoli turritani.

Scrive Dott. Ettore Cabras: "Turre Ŕ un colle a breve distanza dalla chiesa di S. Pietro; e tuttora conserva quel nome per significare luogo di prepotenza e di comando. Affermasi dai popolani che ivi esistano delle fate e che ci appariscano diavoli".

Stampa
Share
 Autore : Tore
 Pubblicato : Giovedì, 16 Luglio 2015 - 16:47
 Ultima modifica : Giovedì, 16 Luglio 2015 - 16:48
 Pagina letta 6061 volte

New-CMS 2.9.7 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.0653 seconds
Contenuto del div.