Scano di Montiferro - Iscanu - su situ de Iscanu
Avviso sui Cookie - Questo sito non svolge alcuna attività di profilazione. Tuttavia, per rendere disponibili alcune funzionalità ed assicurare ai visitatori una esperienza di navigazione ottimale, questo sito fa uso di cookie. Leggi la nostra informativa sui Cookie prima di proseguire la navigazione. Proseguendo la navigazione su questo sito gli utenti acconsentono al ricorso di cookie e tecnologie simili online da parte nostra.
MENU
Home News Articolos Download Links Contattami

Il Giallo della morte del vescovo Concas

IL GIALLO DELLA MORTE DEL VESCOVO CONCAS TRA STORIA E LEGGENDA

Via Garibaldi, Scano. Qui il 14 dicembre del 1762 morì Giuseppe Stanislao Concas di Sinnai, Vescovo di Bosa in visita pastorale nella propria diocesi.

L'alto prelato sarebbe defunto in circostanze oscure ma, ufficialmente, per una caduta da cavallo. Il suo corpo giace nella chiesa parrocchiale.

La leggenda racconta che il Concas venne a Scano "pro fàghere sa recuisitzione de sas terras", ovvero per accaparrarsi le migliori tanche del paese.

Una donna del borgo, perciò, vedendolo montare a cavallo, lo avrebbe maledetto:

" Mi' a su Pìscamu Concas! A pedra pighet e a caddu non lompat!".

Cosa accadde realmente quel lontano 14 dicembre?

Di Antoni Frore Motzo


Print
Share
 Autor : Tore
 Publicado : Viernes, 26 Junio 2015 - 13:46
 Última modificación : Jueves, 16 Julio 2015 - 16:48
 Página leída 7311 veces

New-CMS 2.9.7 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.0837 seconds
Contenuto del div.